26 Maggio 2022: le immagini e le notizie di oggi

26 Mag, 2022
In evidenza | News | Notiziario

(30Science.com) – Roma, 26 mag. – Le immagini e le notizie di oggi.

IMMAGINI

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

FOTO IN EVIDENZA: L’atmosfera contiene circa 13.000 km3 di vapore acqueo, alcuni dei quali possono essere catturati attraverso la semina delle nuvole e la raccolta di acqua da nebbia e foschia. Comunità remote in Cile, Marocco e Sud Africa hanno utilizzato reti a maglie verticali per raccogliere la nebbia da oltre 100 anni e ci sono siti praticabili per la raccolta della nebbia in ogni continente. I progressi nei materiali e nella conoscenza locale hanno aiutato a sviluppare progetti altamente produttivi, relativamente economici e rispettosi dell’ambiente per raccogliere l’acqua potabile: più di 20 litri in una giornata di nebbia fitta per ogni metro quadrato di maglia. Con un costo complessivo inferiore a 250 dollari per metro quadrato di rete che dura più di un decennio, vengono prodotti circa 75.000 litri per metro quadrato a un costo di soli 33 centesimi al litro.

CREDITO
Aqualonis

IN EVIDENZA

Acqua: ONU, è arrivato il momento di prenderla anche dalla nebbia

CREDITO Aqualonis

Nebbia, iceberg e corsi sotterranei sono solo alcune delle potenziali fonti di acqua non convenzionali che potrebbero essere utilizzate per risolvere la crisi idrica che affligge diverse zone del pianeta. Descritte nel volume Unconventional Water Resources, edito da Springer, queste proposte sono state avanzate dagli scienziati dell’Istituto per l’acqua, l’ambiente e la salute e dell’Istituto per la gestione integrata dei flussi di materiali e delle risorse, entrambi presso Università delle Nazioni Unite (UNU-INWEH e UNU-FLORES) e dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO).

 

PRIMO PIANO

Aumenta rischio suicidio tra i ragazzi se c’è un’arma in casa

Secondo uno studio pubblicato sulla rivista Academic Pediatrics, gli adolescenti che hanno accesso alle armi da fuoco hanno circa 1,5 volte più probabilità di aver tentato il suicidio o di avere idee suicidarie. Lo studio, condotto dai ricercatori dell’ Ospedale Ann & Robert H. Lurie Children di Chicago, ha anche rilevato che un terzo degli adolescenti che si recavano al pronto soccorso (DE) per qualsiasi motivo presentava sintomi depressivi da moderati a gravi e oltre il 40% di questo gruppo aveva accesso a una pistola. Questi dati sono stati raccolti prima della pandemia, durante la quale i PS in tutto il paese hanno visto un aumento dei problemi di salute mentale nei giovani.

 

EVENTI CHE ABBIAMO SEGUITO

ASI presenta Alcor, incubatore per i nanosatelliti

Questo slideshow richiede JavaScript.

La realizzazione di un vero e proprio incubatore per il settore dei nanosatelliti e per quelli collegati. Questo è l’obiettivo lanciato oggi dall’Agenzia Spaziale Italiana, che ha presentato Alcor, il nuovo brand sotto il quale l’Agenzia ha riunito e sistematizzato le sue iniziative e le sue risorse dedicate al settore in crescita dei nanosatelliti. Settore che dovrebbe raggiungere e superare gli 8 miliardi di dollari a livello globale entro il 2030, secondo quanto riportato nella presentazione..

 

EVENTI

“GRADITI GRANI ANTICHI PER NUOVI PRODOTTI  SALUTISTICI”

31 MAGGIO NAPOLI, CITTÀ DELLA SCIENZA

10 h 00 min – 13 h 00 min

 

TRANSIZIONE ECOLOGICA

Ora nell’atmosfera c’è una nuova sostanza chimica

Fino ad ora, c’era solo la speculazione sugli idrotriossidi (ROOOH), che questi composti organici con l’insolito gruppo OOOH sarebbero esistiti. Negli esperimenti di laboratorio al TROPOS di Lipsia, la loro formazione durante l’ossidazione di importanti idrocarburi, come isoprene e alfa-pinene, potrebbe essere ora chiaramente dimostrata. CREDITO Tilo Arnhold, TROPOS

È stata rivelata per la prima volta la presenza di idrotriossidi (ROOOH) in condizioni atmosferiche. Fino ad ora, c’erano state solo speculazioni sull’esistenza di questi composti organici con l’insolito gruppo OOOH. A realizzare la scoperta è stato un team di ricerca internazionale guidato dal Leibniz Institute for Tropospheric Research (TROPOS) ed i loro risultati sono stati pubblicati su Science. “È davvero entusiasmante mostrare l’esistenza di una nuova classe universale di composti formati da precursori atmosferici prevalenti (RO2 e radicali OH)”, ha riferito Henrik G. Kjærgaard dell’Università di Copenaghen.

 

Il declino delle diatomee a causa dell’acidificazione degli oceani

Diatomee assortite viste al microscopio. Credit: Prof. Gordon T. Taylor, Stony Brook University.

Le analisi dei dati provenienti da esperimenti sul campo e simulazioni di modelli hanno suggerito che l’acidificazione degli oceani potrebbe ridurre drasticamente le popolazioni di diatomee. A segnalarlo sono stati i ricercatori del Helmholtz Centre for Ocean Research Kiel (GEOMAR), in Germania, in uno studio pubblicato su Nature. Per lo studio, i ricercatori hanno collegato un’analisi globale di varie fonti di dati con la modellazione del sistema terrestre. I risultati hanno fornito una nuova valutazione dell’impatto globale dell’acidificazione degli oceani.

Liberare il pesciolino rosso ‘minaccia’ la biodiversità

Comprare un pesciolino rosso, magari ad una fiera di paese e poi liberarlo in acqua per ‘salvargli’ la vita. Ciò che può sembrare un gesto di spiccata sensibilità per gli animali è un realtà in gesto altamente dannoso per l’ecosistema marino. A dirlo, uno studio, pubblicato su NeoBiota. IL team di lavoro del Queen’s University di Belfast nel Regno Unito ha sviluppato un metodo per valutare gli impatti ecologici e i rischi di potenziali ‘invasori’ derivanti alla commercializzazione di pesci, analizzando la disponibilità, i tassi di alimentazione e il comportamento. La ricerca ha mostrato che i pesci rossi sono voraci, consumando molto di più dei pesciolini di montagna delle nuvole bianche o delle specie autoctone. In termini di modelli comportamentali, i pesci rossi sono risultati anche molto più coraggiosi, un tratto legato alla diffusione invasiva.

 

SCIENZA E RICERCA

 

I due individui ritrovati nella “Casa del Fabbro” o “Casa dell’Artigiano” (sala 9) a Pompei. Credito: Notizie degli Scavi di Antichità , 1934, p. 286, fig. 10.

Sequenziato il genoma di un pompeiano

Per la prima volta è stato sequenziato il genoma di un abitante di Pompei, morto dopo l’eruzione del Vesuvio avvenuta nel 79 d.C. A riuscirci gli scienziati dell’Università del Salento e dell’Università di Copenaghen, che hanno pubblicato un articolo sulla rivista Scientific Reports per rendere noti i risultati del loro lavoro. Il team, guidato da Gabriele Scorrano, ha esaminato i resti di due individui ritrovati all’interno della Casa dell’Artigiano a Pompei. I ricercatori hanno estratto il DNA dai corpi dei pompeiani, che appartenevano a un uomo di età compresa tra 35 e 40 anni e a una donna sopra la cinquantina.

Ecco come coltivare tessuti umani con l’aiuto di un robot

Sviluppare un sistema robotico intelligente in grado di riprodurre la crescita di tessuto tendineo umano. Questo l’obiettivo che ha guidato uno studio, pubblicato sulla rivista Nature Communications Engineering, condotto dagli scienziati dell’Università di Oxford, che hanno ideato un sistema robotico che potrebbe migliorare la produzione e la qualità degli innesti di tessuto da impiegare in ambito medico. Gli innesti tendinei umani, spiegano i ricercatori, richiedono forze esterne per stimolare la crescita e migliorare la funzionalità.

SPARC_LAB creano prima luce con elettroni accelerati da plasma

Acceleratori ultracompatti e a basso costo al servizio della fisica di base e per applicazioni utili anche in altri settori: questa è sicuramente una delle grandi sfide degli acceleratori del futuro.Una soluzione attraente per riuscire a costruirli potrebbe essere quella di sfruttare le onde generate in un plasma per accelerare le particelle. Tuttavia, nonostante gli altissimi gradienti acceleranti prodotti in un plasma (fino a tre ordini di grandezza superiori rispetto alle macchine convenzionali basate su tecnologia a radio-frequenza), il loro utilizzo è stato finora limitato a causa della bassa qualità del fascio prodotto. 

 

SCIENZA, MEDICINA E SANITA

 

Grazie a mRNA ora possibile terapia genica anche senza chemio

In uno studio pubblicato sulla prestigiosa rivista Cell, un gruppo di ricercatori dell’Istituto San Raffaele-Telethon per la terapia genica (SR-Tiget), guidati da Luigi Naldini, ha mostrato come abbattere una delle più importanti barriere che limitano l’applicazione del trapianto di cellule staminali in terapia genica, ovvero la necessità di somministrare farmaci chemioterapici prima di infondere le cellule corrette nei pazienti. Nello studio, realizzato con il finanziamento di Fondazione Telethon, i ricercatori dell’SR-Tiget hanno combinato approcci molecolari e innovative tecniche basate sull’RNA messaggero, ottenendo un nuovo protocollo terapeutico – per ora ancora sperimentale – più sicuro e meno debilitante, che promette di allargare il numero di pazienti e di malattie per un cui la terapia genica potrebbe costituire un’opzione concreta.

Tumori: CNAO E CRO Aviano insieme per nuovo impianto di protonterapia

Il CNAO, Centro Nazionale di Adroterapia Oncologica e l’IRCCS Centro di Riferimento Oncologico (CRO) di Aviano (PN) lavoreranno insieme allo sviluppo dell’impianto di protonterapia che sarà realizzato all’interno del Centro di Aviano e che consentirà l’impiego di fasci di protoni per il trattamento dei tumori. Gli esperti del CNAO collaboreranno con il CRO per fornire indicazioni e consulenza sugli aspetti legati alla “radioprotezione”, ovvero alla schermatura dalle radiazioni delle aree adiacenti all’impianto che produrrà i protoni e che saranno frequentate dagli addetti ai lavori e dai pazienti. 

Nuova tecnica laser elimina placca arteriosa

Rohit Singh, dell’Università del Kansas, USA, e i suoi colleghi hanno sviluppato un metodo che combina un laser a bassa potenza con gli ultrasuoni per rimuovere le placche arteriose in modo sicuro ed efficiente. Singh descriverà i risultati preliminari della loro ricerca nella sua presentazione, “Una nuova tecnica laser assistita da ultrasuoni per rimuovere le placche aterosclerotiche”, al 182° Meeting della Acoustical Society of America. I trattamenti laser ad alta potenza dirigono l’energia termica per vaporizzare l’acqua nell’arteria e creare una bolla di vapore, che si espande e collassa per rompere la placca. Allo stesso modo, la nuova tecnologia utilizza un laser pulsato a nanosecondi a bassa potenza per produrre microbolle

Le mamme di gemelli non sono più fertili, studio su Nature

Le donne che hanno partorito gemelli non sono più fertili, l’ipotesi supportata da studi precedenti viene sconfessata da un’analisi dettagliata di oltre 100.000 nascite in Europa da parte di un gruppo internazionale di scienziati appertenenti, tra gli altri, al Leibniz Institute for Zoo and Wildlife Research e Durham University, nel Regno Unito. I risultati dello studio sono ora pubblicati sulla rivista scientifica Nature Communications.

Per 3 adolescenti su 4 fertilità è grande sconosciuta

Gli adolescenti e i giovani italiani tendono a considerare la fertilità come un valore lontano anni luce dalla loro quotidianità. Convinti che la riproduzione sia solo una “faccenda da grandi”, conoscono ben poco il mondo della biologia della riproduzione. Tanto che alcune ricerche mostrano che meno di un adolescente su quattro conosce alcune delle informazioni basilari sulla fertilità e sulla riproduzione. “Eppure, la fertilità è un ‘tesoro’ da custodire fin da piccoli”, sottolinea Antonio Guglielmino, presidente della Società Italiana della Riproduzione Umana (SIRU)

Acufeni e vertigini sono spie di malattie neurodegenerative

“Non sottovalutare perdita dell’udito, acufeni e vertigini. E’ necessario ascoltare l’orecchio, perché può dirci che qualcosa non va. C’è infatti una connessione tra disturbi uditivi e malattie neurodegenerative”. Lo afferma Arianna Di Stadio, docente di Otorinolarngoiatria all’Università di Catania e ricercatore onorario presso il laboratorio di Neuroinfiammazione dell’ UCL Queen Square Neurology di Londra che presenta uno dei suoi studi su questo tema al Congresso nazionale della SIO, Società Italiana di Otorino Laringoiatria e Chirurghia Cervico Facciale, in corso a Roma. 

COVID E VACCINI

Bambino Gesù, quasi 700 vaccinazioni nei campi rom

Da luglio 2021 ad oggi il servizio dell’Ambulatorio mobile dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù ha effettuato quasi 700 vaccinazioni nei campi Rom della capitale. Dal 2016, gli operatori sanitari del progetto “Nontiscordardimé”, nato dall’esperienza del Giubileo della Misericordia voluto da papa Francesco, sono impegnati ad offrire assistenza sanitaria e non solo alle fasce più fragili della popolazione. Negli ultimi due anni l’attività del progetto è stata dedicata particolarmente alla gestione dell’emergenza Covid-19 nelle realtà periferiche della città e, anche nelle fasi più critiche, l’Ambulatorio mobile dell’ospedale della Santa Sede ha raggiunto con regolarità i campi Rom di Castel Romano, Salone, Salviati, Candoni. 

 

SCIENZA, TECNOLOGIA, MEDIA E SOCIETA’

IA, esperti su Nature “Serve trattato internazionale per regolamentare brevetti

Ad oggi, il sistema dei brevetti presuppone che gli inventori siano esseri umani. Ma le invenzioni concepite dalle macchine sono sempre più numerose e richiedono una propria legge sulla proprietà intellettuale e un trattato internazionale. Ad argomentarlo, un gruppo di ricercatori sulla rivista Nature. L’intelligenza artificiale (AI) viene utilizzata per aiutare lo sviluppo di vaccini, la progettazione di farmaci, la scoperta di materiali, la tecnologia spaziale e la progettazione di navi. Le domande di brevetto che attribuiscono l’invenzione ad un sistema di intelligenza artificiale sono state presentate in più di 100 paesi. Nel giro di pochi anni, numerose invenzioni potrebbero coinvolgere l’IA.

Sviluppato algoritmo per decidere cosa delegare ai robot

I ricercatori del Robotics Institute (RI) della Carnegie Mellon University, USA, hanno sviluppato un pianificatore algoritmico che aiuta a decidere se assegnare un compito agli esseri umani o ai robot, sfruttando le migliori capacità degli uni o degli altri. Il pianificatore, “Agisci, delega o impara” (ADL), considera un elenco di attività e decide come assegnarle al meglio. I ricercatori hanno posto tre domande all’algoritmo: quando dovrebbe agire un robot per completare un compito? Quando dovrebbe essere delegato un compito a un essere umano? E quando un robot dovrebbe imparare un nuovo compito? “Ci sono costi associati alle decisioni prese, come il tempo impiegato da un essere umano per completare un compito o quello necessario a insegnare a un robot a completare un compito e il costo di un robot che fallisce in un compito”, ha affermato Shivam Vats , il ricercatore capo del progetto. 

 

ANIMALI

I delfini scelgono il loro nome sulla base del luogo dove vivono

L’ambiente oceanico e le caratteristiche della popolazione a cui appartengono possono influenzare le lunghezze e le altezze d’onda della voce dei delfini tursiopi, scientificamente noti come Tursiops truncatus. Questo curioso risultato emerge da uno studio, pubblicato sulla rivista Scientific Reports, condotto dagli scienziati dell’Università degli Studi di Sassari, che hanno analizzato le popolazioni di delfini del Mediterraneo. Il team, guidato da Gabriella La Manna, ha analizzato le caratteristiche del fischio dei delfini, una sorta di richiamo paragonabile al nome, che gli animali utilizzano per comunicare. Come molte specie di delfini, spiegano gli autori, i tursiopi possono emettere un richiamo caratteristico unico per ogni animale.

 

MOBILITA’

 

Telespazio e ENAC insieme per i droni

Telespazio, una joint venture tra Leonardo (67 per cento) e Thales (33 per cento), ha siglato con ENAC, l’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile, un contratto per la progettazione dell’infrastruttura nazionale dedicata alla sperimentazione di nuove tecnologie, prodotti e servizi per il settore della Mobilità Aerea Urbana e della Mobilità Aerea Avanzata (Urban & Advanced Air Mobility, UAM/AAM). 

Mobilità: parti in plastica di vecchi veicoli riciclate come grafene

I chimici della Rice University, USA, lavorando con i ricercatori della Ford Motor Company hanno trasformato le parti in plastica di un gruppo di veicoli dismessi in grafene tramite il processo di riscaldamento detto “Flash Joule” sviluppato dall’università. Un SUV in media contiene fino a 350 chilogrammi di plastica che potrebbero rimanere in una discarica per secoli. Ora i nuovi risultati di questo studio, presentati nel numero di debutto “Nature, Communications Engineering”, potrebbero offrire una valida alternativa. 

Batterie; BMW punta a riciclo a circuito chiuso

La joint venture tra BMW e la cinese Brilliance Automotive ha messo in campo un processo di riciclo a circuito chiuso in Cina per il riutilizzo di nichel, litio e cobalto provenienti dalle batterie ad alto voltaggio. Per il momento, le batterie provengono ancora da veicoli di prova – completamente o parzialmente elettrici -, da sistemi per test e da scarti di produzione.

Echion fornirà materiali anodici a Morrow Batteries

Morrow Batteries ha firmato un accordo pluriennale di fornitura di materiali anodici con Echion Technologies. Echion inizialmente fornirà fino a 150 tonnellate dei suoi materiali anodici XNO alla società norvegese in base all’attuale accordo di fornitura, con la possibilità di estendere poi il programma in base alle intese delle due società. 

Mer fornirà punti di ricarica a Blue Diamond

Il marchio europeo di infrastrutture di ricarica Mer ha stipulato un accordo con Blue Diamond per fornire oltre 300 punti di ricarica per veicoli elettrici ai suoi 39 negozi “garden center” dedicati al giardinaggio in tutto il Regno Unito. I negozi Blue Diamond saranno in grado di offrire ai propri clienti una ricarica rapida a una velocità compresa tra almeno 50 kilowatt e fino a 150 kilowatt.

Mobilità: batterie; Britishvolt acquista EAS

Il produttore britannico di celle per batterie Britishvolt ha firmato un accordo con il Gruppo Monbat per acquisire EAS, azienda specializzata nello sviluppo e nella produzione di celle agli ioni di litio di grande formato. L’operazione di acquisto vale 36 milioni di euro. 

GB, Tfl richiama 90 bus a due piani elettrici

Transport for London (TfL), l’autorità per il trasporto pubblico a Londra, ha tolto dalle strade circa 90 autobus elettrici a due piani MetroDecker EV di Switch Mobility dopo che sei autobus elettrici di questo tipo hanno preso fuoco nel garage degli autobus Potters Bar nell’Hertfordshire, a nord di Londra. TfL afferma che le indagini sulla causa dell’incendio sono ancora in corso.

Corea del Sud, SK punta su chip e batterie

Il SK Group, uno dei maggiori conglomerati aziendali sudcoreani, ha dichiarato giovedì che investirà 247 trilioni di won (circa 180 miliardi di euro) nei settori dei semiconduttori, delle batterie e dei biofarmaci nei prossimi cinque anni.

USA, Joby Aviation riceve autorizzazione per taxi aerei

Joby Aviation Inc ha dichiarato giovedì di aver ricevuto una certificazione dalla Federal Aviation Administration (FAA) che le consentirebbe di avviare commercialmente le sue operazioni di aerotaxi. 

Glasgow inaugura hub di ricarica per bus

First Bus ha annunciato che Glasgow è ora sede del più grande centro di ricarica rapida per veicoli elettrici (EV) del Regno Unito. Il deposito di Caledonia, situato nella parte sud di Glasgow, presenta 160 punti di ricarica rapida all’avanguardia installati negli ultimi nove mesi, che consentiranno di caricare 150 veicoli elettrici al deposito contemporaneamente.

Camion autonomi; Solo AVT sceglie batterie ABS

La startup Solo Advanced Vehicle Technologies ha stretto una partnership con American Battery Solutions (ABS) con sede nel Michigan per sviluppare pacchi batteria per il suo nuovo camion elettrico per carichi pesanti a guida autonoma, ha dichiarato alla “Reuters” l’amministratore delegato di Solo AVT, Graham Doorley. 

Chip; Taiwan, nuova stretta su attività cinesi

Questa settimana le autorità di Taiwan hanno fatto irruzione in dieci società cinesi sull’isola sospettate di star sottraendo al paese ingegneri di chip e altri esperti, ha affermato giovedì l’Ufficio investigativo dell’isola. Sede del colosso dei produttori di chip TSMC, Taiwan ha avviato una campagna per contrastare il reclutamento illegale da parte delle aziende cinesi nel campo dei chip.(30Science.com)

X