string(4) "post" Calotta Groenlandia, anni dal 2001 al 2011 decennio più caldo in 1000 anni - 30Science.com
Gianmarco Pondrano d'Altavilla

Calotta Groenlandia, anni dal 2001 al 2011 decennio più caldo in 1000 anni

(18 Gennaio 2023)

(30science.com) – Roma, 18 gen. –  Una ricostruzione dell’evoluzione della temperatura derivata dal carotaggio di blocchi di ghiaccio degli ultimi 1.000 anni rivela che il riscaldamento di oggi nella Groenlandia centro-settentrionale è sorprendentemente pronunciato. Il decennio più recente, esaminato nello studio dei ricercatori guidati dall’Istituto Alfred Wegener (AWI) – gli anni dal 2001 al 2011 – è stato il più caldo degli ultimi 1.000 anni, e la regione è ora più calda di 1,5 gradi Celsius rispetto al XX secolo. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista “Nature”. La calotta glaciale della Groenlandia svolge un ruolo fondamentale nel sistema climatico globale. Con enormi quantità di acqua immagazzinata nel ghiaccio (circa 3 milioni di chilometri cubi), lo scioglimento e il conseguente innalzamento del livello del mare sono considerati un potenziale punto di non ritorno. Ai tassi di emissioni globali attuali, si prevede che la calotta glaciale contribuirà fino a 50 centimetri al livello medio globale del mare entro il 2100. Le stazioni meteorologiche lungo la costa hanno registrato temperature in aumento per molti anni. Ma l’influenza del riscaldamento globale sulle parti elevate fino a 3.000 metri della calotta glaciale è rimasta poco chiara a causa della mancanza di osservazioni a lungo termine. Nello studio ora pubblicato su “Nature”, gli esperti dell’Alfred Wegener Institute presentano prove evidenti che gli effetti del riscaldamento globale hanno raggiunto anche le aree ad alta quota della Groenlandia centro-settentrionale.

Questo slideshow richiede JavaScript.

“La serie temporale che abbiamo recuperato dal carotaggio copre ora più di 1.000 anni senza interruzioni, dall’anno 1000 al 2011. Questi dati mostrano che il riscaldamento nel periodo 2001-2011 differisce chiaramente dalle variazioni naturali degli ultimi 1.000 anni.”, afferma la studiosa AWI Maria Hörhold, autrice principale dello studio. Le temperature sono state ricostruite utilizzando costantemente un unico metodo per l’intera registrazione in laboratorio: misurare le concentrazioni di isotopi di ossigeno stabili all’interno del ghiaccio, che variano con le temperature prevalenti nei momenti di formazione del ghiaccio. Oltre alla temperatura, il team ha ricostruito i ritmi di fusione della calotta glaciale. Lo scioglimento è aumentato notevolmente in Groenlandia dagli anni 2000 e ora contribuisce in modo significativo all’innalzamento globale del livello del mare. “Siamo rimasti sorpresi nel vedere quanto strettamente le temperature siano collegate al drenaggio dell’acqua di fusione in tutta la Groenlandia – che, dopo tutto, si verifica in aree a bassa quota lungo il bordo della calotta glaciale vicino alla costa”, afferma Maria Hörhold. Al fine di quantificare questa connessione tra la temperatura nelle parti ad alta quota e lo scioglimento lungo i bordi della calotta glaciale, gli autori hanno utilizzato i dati di un modello climatico regionale per gli anni dal 1871 al 2011 e le osservazioni satellitari dei cambiamenti della massa di ghiaccio per gli anni dal 2002 al 2021. Ciò ha permesso loro di convertire le variazioni di temperatura identificate nelle carote di ghiaccio in tassi di fusione e fornire stime per gli ultimi 1.000 anni. Ciò rappresenta un importante set di dati per la ricerca sul clima: una migliore comprensione della dinamica di scioglimento della calotta glaciale in passato migliora le proiezioni del relativo futuro innalzamento del livello del mare. Un’altra scoperta interessante dello studio: il clima della calotta glaciale della Groenlandia è in gran parte disaccoppiato dal resto dell’Artico. Ciò potrebbe essere dimostrato rispetto alla ricostruzione della temperatura in tutto l’Artico “Arctic 2k” . Sebbene “Arctic 2k” sia una rappresentazione accurata della regione circumpolare, non riflette le condizioni della Groenlandia centrale. “La nostra ricostruzione offre ora una rappresentazione affidabile dell’evoluzione della temperatura nella Groenlandia centrale, che ha dimostrato di avere una dinamica propria”, afferma il prof. Thomas Laepple, ricercatore sul clima AWI e co-autore dello studio. “In realtà, ci aspettavamo che le serie temporali covariassero fortemente con il riscaldamento della regione artica”, riferisce Laepple. Ma gli autori hanno una spiegazione per queste differenze: la calotta glaciale è spessa diversi chilometri; a causa della sua altezza, la Groenlandia è più influenzata dai modelli di circolazione atmosferica rispetto ad altre parti dell’Artico. Sono necessarie serie temporali sull’Artico con risoluzione regionale, afferma Laepple, al fine di descrivere in modo affidabile i cambiamenti climatici nell’Artico. (30science.com)

Gianmarco Pondrano d'Altavilla