string(4) "post" Ricerca Italiana: INGV, sviluppato modello per prevedere eruzioni Vesuvio, Flegrei e Ischia | 30Science Communication

Ricerca Italiana: INGV, sviluppato modello per prevedere eruzioni Vesuvio, Flegrei e Ischia

3 Nov, 2022
In evidenza | News | Notiziari di 30Science.com | Notiziario ricerca italiana | Ricerca Italiana | Scienza

(30Science.com) – Roma, 3 nov. – Per la prima volta i ricercatori possono produrre una valutazione comparabile della probabilità di eruzione e dei pericoli legati ai tre vulcani napoletani: Vesuvio, Ischia e Campi Flegrei. Tutto questo grazie a un nuovo modello statistico che, basato sull’analisi dell’alternanza di periodi di alta e bassa attività eruttiva, permette di modellare sistemi vulcanici molto diversi, migliorandone la comprensione del comportamento.

Questo è il risultato dello studio “Un semplice modello a due stati interpreta le modulazioni temporali nell’attività eruttiva e migliora la quantificazione del rischio multivulcano” condotto da un team internazionale di ricercatori dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV), Università di Bari “Aldo Moro” e il British Geological Survey (BGS) di Edimburgo (UK).

Rappresentazione schematica del nuovo modello statistico che reinterpreta la storia eruttiva dei tre vulcani napoletani, Vesuvio, Campi Flegrei, e Ischia, permettendo di produrre per la prima volta una valutazione comparabile delle probabilità di eruzione e della pericolosità sul territorio tra i tre vulcani

 

Lo studio, appena pubblicato sulla rivista scientifica Science Advances , ha analizzato i tre vulcani attivi dell’area napoletana in Italia: il Vesuvio, i Campi Flegrei e l’isola d’Ischia .

“Studiando la documentazione geologica e le cronache storiche di questi tre vulcani molto diversi, siamo stati in grado di sviluppare un modello statistico basato sull’analisi delle fasi di alta e bassa attività eruttiva” , spiega Jacopo Selva, ricercatore dell’INGV e primo autore dell’articolo. “Il nostro modello si basa su tre parametri: la frequenza eruttiva annuale dei vulcani nei periodi di bassa attività, la stessa frequenza eruttiva annuale registrata – viceversa – nei periodi di alta attività, e il cosiddetto ‘tempo soglia inter-evento’ , ovvero l’intervallo di tempo senza eruzioni dopo il quale è possibile stabilire il passaggio del vulcano da una fase di attività eruttiva alta ad una fase bassa” .

I risultati dello studio, svolto applicando questo nuovo modello, hanno evidenziato come il dinamiche di inizio e fine delle fasi di alta attività eruttiva siano significativamente differenti tra Vesuvio, Campi Flegrei e Ischia, ciascuna legata agli specifici processi vulcanici che dominano i singoli vulcani .

“Nella maggior parte dei vulcani, anche se diversi tra loro, sono presenti almeno due stati, che abbiamo identificato come periodi di alta e bassa attività, e con il nostro modello descriviamo quantitativamente l’alternanza tra questi due stati” , continua Roberto Sulpizio, di l’Università di Bari. “Studiando la storia eruttiva dei vulcani napoletani, molto diversi tra loro, con il nostro modello abbiamo descritto in modo omogeneo le caratteristiche dei due diversi stati di attività per ciascuno di essi e le tempistiche in cui l’equilibrio del vulcanico sistema viene nuovamente recuperato dopo una fase di elevata attività eruttiva. Queste analisi stimano e confrontano in modo omogeneo la probabilità di eruzione dei vari vulcani, e, di conseguenza, la loro pericolosità ”. possono fornire dati importanti per comprendere appieno le dinamiche che governano il verificarsi delle eruzioni, ma soprattutto esse consentono di

La ricerca ha affrontato i diversi tipi di vulcanismo dei vulcani napoletani: il Vesuvio, uno stratovulcano a condotto aperto/chiuso, i Campi Flegrei, una vasta caldera vulcanica formatasi dopo almeno tre enormi eruzioni che hanno formato caldere, e Ischia, un edificio vulcanico che si è innalzato di oltre 1000 metri dal fondo del mare in conseguenza di un processo noto come “risurrezione vulcanica”. Tutti e tre i vulcani insistono sul territorio densamente popolato dell’area metropolitana di Napoli. Pertanto, lo studio appena pubblicato aiuta a migliorare la comprensione scientifica e, di conseguenza, la previsione probabilistica dell’attività eruttiva dei vulcani, un’informazione fondamentale per mitigare i rischi per le persone che vivono nelle aree vulcaniche e per le infrastrutture. (30Science.com)

Agenzia di stampa quotidiana specializzata su temi di scienza, ambiente, natura, salute, società, mobilità e tecnologia. Ogni giorno produciamo una rassegna stampa delle principali riviste scientifiche internazionali e quattro notiziari tematici: Scienza, Salute, Mobilità e Ricerca Italiana contatti: redazione@30science.com + 39 3492419582