La FAO e il WFP avvertono dell’imminente crisi alimentare diffusa minaccia la stabilità in dozzine di paesi

6 Giu, 2022
Emanuele Perugini
In evidenza | News | Transizione ecologica

(30Science.com) – Roma, 6 giu. – L’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO) e il Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite (WFP) hanno emesso oggi un forte avvertimento sulle molteplici crisi alimentari incombenti, causate da conflitti, shock climatici, le ricadute del COVID-19 pandemia e ingenti oneri del debito pubblico, esacerbati dagli effetti a catena della guerra in Ucraina che ha spinto i prezzi di cibo e carburante ad accelerare in molte nazioni in tutto il mondo. Questi shock hanno colpito contesti già caratterizzati da emarginazione rurale e fragili sistemi agroalimentari.

Il rapporto ‘ Hunger Hotspots – FAO-WFP early warnings on acute food insecurity’ pubblicato oggi chiede un’azione umanitaria urgente in 20 ‘hunger hotspots’ dove si prevede un peggioramento della fame acuta da giugno a settembre 2022 – per salvare vite e mezzi di sussistenza e prevenire carestia.

Il rapporto avverte che la guerra in Ucraina ha esacerbato il già costante aumento dei prezzi del cibo e dell’energia in tutto il mondo, che stanno già influenzando la stabilità economica in tutte le regioni. Gli effetti dovrebbero essere particolarmente acuti quando l’instabilità economica e la spirale dei prezzi si combinano con il calo della produzione alimentare dovuto a shock climatici come siccità ricorrenti o inondazioni.

“Siamo profondamente preoccupati per l’impatto combinato di crisi sovrapposte che mettono a repentaglio la capacità delle persone di produrre e accedere agli alimenti, spingendo altri milioni di persone a livelli estremi di grave insicurezza alimentare”, ha affermato il Direttore Generale della FAO QU Dongyu. “Siamo in una corsa contro il tempo per aiutare gli agricoltori nei paesi più colpiti, anche aumentando rapidamente la produzione alimentare potenziale e aumentando la loro resilienza di fronte alle sfide”. 

“Stiamo affrontando una tempesta perfetta che non solo danneggerà i più poveri tra i poveri, ma travolgerà anche milioni di famiglie che fino ad ora hanno tenuto la testa fuori dall’acqua”, ha avvertito il Direttore Esecutivo del WFP David Beasley.

“Le condizioni ora sono molto peggiori che durante la primavera araba nel 2011 e la crisi dei prezzi alimentari del 2007-2008, quando 48 paesi sono stati scossi da disordini politici, rivolte e proteste. Abbiamo già visto cosa sta succedendo in Indonesia, Pakistan, Perù e Sri Lanka: questa è solo la punta dell’iceberg. Abbiamo soluzioni. Ma dobbiamo agire e agire in fretta”, ha avvertito.

Risultati chiave

Il rapporto rileva che, insieme al conflitto, gli shock climatici frequenti e ricorrenti continuano a provocare la fame acuta e mostra che siamo entrati in una “nuova normalità” in cui siccità, inondazioni, uragani e cicloni decimano ripetutamente l’agricoltura e l’allevamento, guidano lo sfollamento della popolazione e spingono milioni sull’orlo nei paesi di tutto il mondo.

Il rapporto avverte che le preoccupanti tendenze climatiche legate a La Niña dalla fine del 2020 dovrebbero continuare fino al 2022, aumentando i bisogni umanitari e la fame acuta. Una siccità senza precedenti in Africa orientale che colpisce Somalia, Etiopia e Kenya sta portando a una quarta stagione consecutiva delle precipitazioni al di sotto della media, mentre il Sud Sudan dovrà affrontare il suo quarto anno consecutivo di inondazioni su larga scala, che probabilmente continueranno ad allontanare le persone dalle loro case e devastano i raccolti e la produzione di bestiame. Il rapporto prevede anche piogge superiori alla media e il rischio di inondazioni localizzate nel Sahel, una stagione degli uragani più intensa nei Caraibi e piogge al di sotto della media in Afghanistan, che sta già vacillando da molteplici stagioni di siccità, violenza e sconvolgimenti politici.

Il rapporto sottolinea anche l’urgenza delle terribili condizioni macroeconomiche in diversi paesi, causate dalle ricadute della pandemia di COVID-19 e aggravate dai recenti sconvolgimenti nei mercati alimentari ed energetici globali. Queste condizioni stanno causando drammatiche perdite di reddito tra le comunità più povere e stanno mettendo a dura prova la capacità dei governi nazionali di finanziare gli ammortizzatori sociali, le misure di sostegno al reddito e l’importazione di beni essenziali.

Secondo il rapporto, Etiopia, Nigeria, Sud Sudan e Yemen rimangono nella “massima allerta” come hotspot con condizioni catastrofiche e Afghanistan e Somalia sono nuovi ingressi in questa preoccupante categoria dall’ultimo rapporto sugli hotspot pubblicato nel gennaio 2022. Questi sei paesi hanno tutti parti della popolazione che affrontano la fase 5 della “Catastrofe” dell’IPC o rischiano di deteriorarsi verso condizioni catastrofiche, con un massimo di 750.000 persone che rischiano la fame e la morte. 400.000 di questi si trovano nella regione del Tigray in Etiopia, il numero più alto mai registrato in un paese dalla carestia in Somalia nel 2011.

La Repubblica Democratica del Congo, Haiti, il Sahel, il Sudan e la Siria restano “molto preoccupanti” per il deterioramento delle condizioni critiche, come nell’edizione precedente di questo rapporto, con il Kenya una nuova voce nell’elenco. Sri Lanka, paesi costieri dell’Africa occidentale (Benin, Capo Verde e Guinea), Ucraina e Zimbabwe sono stati aggiunti all’elenco dei paesi hotspot, unendosi ad Angola, Libano, Madagascar e Mozambico che continuano ad essere hotspot della fame, secondo il rapporto.

Aumentare l’azione preventiva per prevenire i disastri

Il rapporto fornisce raccomandazioni concrete specifiche per paese sulle priorità per una risposta umanitaria immediata per salvare vite umane, prevenire la carestia e proteggere i mezzi di sussistenza, nonché un’azione preventiva. Il recente impegno del G7 ha evidenziato l’importanza di rafforzare l’azione preventiva nell’assistenza umanitaria e allo sviluppo, assicurando che i rischi prevedibili non diventino catastrofi umanitarie in piena regola.

La FAO e il WFP hanno collaborato per aumentare la portata e la portata dell’azione preventiva, per proteggere la vita delle comunità, la sicurezza alimentare e i mezzi di sussistenza prima che abbiano bisogno di assistenza salvavita nella finestra critica tra un allarme precoce e uno shock. I finanziamenti umanitari flessibili consentono alla FAO e al WFP di anticipare i bisogni umanitari e salvare vite umane. L’evidenza mostra che per ogni dollaro USA investito in azioni preventive per salvaguardare vite e mezzi di sussistenza, è possibile risparmiare fino a 7 dollari USA evitando perdite per le comunità colpite da disastri.

A proposito del rapporto

Identificati attraverso un’analisi previsionale, i “punti caldi della fame” hanno il potenziale per aumentare l’insicurezza alimentare acuta durante il periodo di previsione. Gli hotspot vengono selezionati attraverso un processo basato sul consenso che coinvolge i team tecnici e sul campo del WFP e della FAO, insieme ad analisti specializzati in conflitti, rischi economici e naturali.

Il rapporto fornisce raccomandazioni specifiche per paese sulle priorità per un’azione preventiva: interventi di protezione a breve termine da attuare prima che si concretizzino nuove esigenze umanitarie; e risposta alle emergenze: azioni per affrontare i bisogni umanitari esistenti. Il rapporto fa parte di una serie di prodotti analitici prodotti nell’ambito della Rete globale contro le crisi alimentari, per migliorare e coordinare la generazione e la condivisione di informazioni e analisi basate sull’evidenza per prevenire e affrontare le crisi alimentari. (30Science.com)

 

Sono un giornalista. Sono nato nel 1970 e ho cominciato a scrivere nel 1994. Non ho più smesso. Nel corso della mia carriera ho scritto molto di scienza, di ambiente, di salute cercando di portare la scienza e la profondità dell'analisi scientifiche in ogni ambito di cui mi sono occupato.
X