Scienza: la prima scoperta dello scienziato delle Maldive

10 Mar, 2022
Alessandro Berlingeri
In evidenza | News | Scienza

(30Science.com) – Roma, 10 mar. – Il “Labridae Fatato Velato di Rosa”, una straordinaria nuova aggiunta all’albero della vita, è il primo pesce maldiviano ad essere stato descritto da uno scienziato locale. Scienziati della California Academy of Sciences, dell’Università di Sydney, del Maldives Marine Research Institute (MMRI) e del Field Museum hanno collaborato alla scoperta descritta sulla rivista ZooKeys.

Il nome della specie “finifenmaa” significa “rosa” nella lingua locale Dhivehi, un cenno sia alle sue sfumature rosa che al fiore nazionale delle Maldive. Credit: Yi-Kai Tè.

Il suo nome scientifico è Cirrhilabrus finifenmaa che deriva dalla lingua locale Dhivehi, ‘finifenmaa‘ che significa ‘rosa‘, un cenno sia alle sue sfumature rosa che al fiore nazionale della nazione insulare.

Sono sempre stati scienziati stranieri a descrivere le specie trovate alle Maldive senza molto coinvolgimento da parte degli scienziati locali, anche quelle endemiche delle Maldive”, ha affermato il coautore dello studio e biologo del Maldives Marine Research Institute, Ahmed Najeeb. “Questa volta è diverso ed entrare a far parte di qualcosa per la prima volta è stato davvero eccitante, soprattutto avere l’opportunità di lavorare a fianco dei migliori ittiologi su una specie così elegante e bella.

Il biologo dell’Istituto di ricerca marina delle Maldive Ahmed Najeeb (a sinistra) e il curatore dell’Accademia di ittiologia Luiz Rocha, PhD, ispezionano un esemplare di pesce alle Maldive. Credit: Claudia Rocha, California Academy of Sciences.

Raccolta per la prima volta dai ricercatori negli anni ’90, si pensava originariamente che C. finifenmaa fosse la versione adulta di una specie diversa, Cirrhilabrus rubrisquamis, che era stata descritta sulla base di un singolo esemplare giovanile dell’arcipelago di Chagos, una catena di isole di 1.000 chilometri a sud delle Maldive.

Quello che in precedenza pensavamo fosse una specie di pesce diffusa, in realtà sono due specie diverse, ciascuna con una distribuzione potenzialmente molto più ristretta”, ha dichiarato l’autore principale e dottorando dell’Università di Sydney, Yi-Kai Tea. “Questo esemplifica il motivo per cui la descrizione di nuove specie, e la tassonomia in generale, è importante per la conservazione e la gestione della biodiversità.

Nessuno conosce queste acque meglio del popolo maldiviano”, ha detto l’autore senior e curatore dell’Accademia di ittiologia Luiz Rocha. “La nostra ricerca è più forte quando viene svolta in collaborazione con ricercatori e subacquei locali. Sono entusiasta di continuare il nostro rapporto con MMRI e il Ministero della pesca per conoscere e proteggere insieme le barriere coralline della nazione insulare.” (30Science.com)

Una specie nuova per la scienza chiamata il labridae fatato dal velo di rosa
Il nome della specie “finifenmaa” significa “rosa” nella lingua locale Dhivehi, un cenno sia alle sue sfumature rosa che al fiore nazionale delle Maldive. Credit: Yi-Kai Tè.

Adoravo parlare di Fantascienza con mia madre prima di dormire e tirar fuori strane teorie anziché ascoltare le favole della buonanotte. La conseguenza? Una laurea in Fisica all’Università degli Studi di Roma "Tor Vergata" con una tesi sui “Metodi per la Ricerca di Pianeti Extrasolari”. Mi dedico dal 2008 alla Divulgazione Scientifica ovunque sia possibile, nelle scuole, in grandi eventi pubblici, in musei, in grandi strutture scientifiche di Roma, radio, televisione, internet.. ovunque! Ho affiancato il tutto alle mie passioni di tutta una vita: il nuoto, la musica, il cinema ed ogni sfaccettatura nerd che si possa immaginare.
X