Tutti i rischi dei gorilla con il Covid

19 Ott, 2021
In evidenza | News | Scienza

(30Science.com) – Roma, 19 ott. – Un focolaio di COVID-19 tra i gorilla di montagna selvaggi nel Parco Nazionale dei Vulcani, in Ruanda, potrebbe portare al collasso della popolazione. Sono i dati che emergono da uno studio realizzato da un gruppo di ricercatori guidato da Fernando Colchero, dell’Università della Danimarca meridionale, Odense, Danimarca, che è stato appena pubblicato su Scientific Reports .

Le infezioni da SARS-CoV-2 sono state precedentemente identificate tra i gorilla di pianura occidentale in cattività, tuttavia, il potenziale rischio che COVID-19 rappresenta per le scimmie selvatiche, compresi i gorilla di montagna in via di estinzione, non è ancora chiaro. Fernando Colchero e colleghi hanno simulato la probabilità che un’epidemia di COVID-19 in una popolazione di gorilla di montagna che vive nel Parco Nazionale dei Vulcani potesse portare al collasso di questa popolazione.

Utilizzando i dati raccolti tra il 1967 e il 2018 su 396 gorilla dal Dian Fossey Gorilla Fund, gli autori hanno preso in considerazione le variazioni annuali nelle dimensioni e nella struttura di questa popolazione. Hanno anche tenuto conto dei fattori epidemiologici che influenzano le dinamiche della malattia COVID-19 negli esseri umani, incluso il numero di individui che contraggono la malattia da un individuo infetto ( 0 ); la probabilità di morte dopo l’infezione; la probabilità di sviluppare l’immunità; e durata dell’immunità.

Gli autori hanno eseguito 2.000 simulazioni in cui le dimensioni e la struttura della popolazione nel parco variavano a ritmi diversi e hanno scoperto che, in condizioni epidemiologiche simili a quelle riportate nelle epidemie umane, il 71% di queste popolazioni simulate collasserebbe entro 50 anni. Tuttavia, gli autori suggeriscono che la mortalità può essere più alta tra i gorilla rispetto agli umani, a causa della minore disponibilità di trattamenti per i gorilla. Quando questo è stato preso in considerazione nel modello, la percentuale delle 2.000 popolazioni simulate nel parco che sarebbero crollate entro 50 anni è aumentata all’80%. Mentre l’ 0 medio di COVID-19 negli esseri umani è stato precedentemente riscontrato essere di circa 2,5, gli autori hanno scoperto che quando l’ 0tra i gorilla era almeno 1,05, la probabilità di collasso della popolazione aumentava.

Ciò dimostra l’importanza di limitare la trasmissione di SARS-CoV-2 all’interno della popolazione. Gli autori notano che la tendenza dei gruppi di gorilla a distanziarsi naturalmente socialmente l’uno dall’altro probabilmente riduce il rischio di trasmissione di SARS-CoV-2. Tuttavia, questa popolazione è cresciuta negli ultimi anni, portando a tassi più elevati di incontri tra gruppi e potenzialmente aumentando le opportunità di trasmissione della malattia. I risultati evidenziano il rischio che la pandemia di COVID-19 rappresenta attualmente per la popolazione di gorilla di montagna del Parco Nazionale dei Vulcani. Gli autori suggeriscono che le misure per limitare la trasmissione di SARS-CoV-2, come l’uso di maschere e la vaccinazione del personale del parco e dei turisti, oltre ai regolari test sui gorilla per possibili infezioni, continuano ad essere implementate all’interno del parco. (30Science.com)

 

X