Scienza: atmosfera di vapore acqueo persistente su Europa, ma solo su un emisfero

Alessandro Berlingeri
15 Ott, 2021
In evidenza | News | Scienza

(30Science.com) – Roma, 15 ott. – Le osservazioni del telescopio spaziale Hubble della NASA della luna ghiacciata di Giove, Europa, hanno rivelato la presenza di vapore acqueo persistente, ma misteriosamente solo in un emisfero. I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista Geophysical Research Letters.

Rappresentazione artistica della luna ghiacciata di Giove, Europa. Credit: AlexAntropov86, Pixabay.

Europa ospita un vasto oceano sotto la sua superficie ghiacciata, che potrebbe offrire condizioni ospitali per la vita. Queste nuove osservazioni migliorano la comprensione da parte degli astronomi della struttura atmosferica delle lune ghiacciate e aiutano a gettare le basi per le missioni scientifiche pianificate nel sistema gioviano per esplorare se, un ambiente ad oltre 600 milioni di chilometri dalla Terra, potrebbe supportare la vita.

Precedenti osservazioni del vapore acqueo su Europa sono state associate a pennacchi che eruttano attraverso il ghiaccio, come fotografato da Hubble nel 2013. Sono analoghi ai geyser sulla Terra, ma si estendono per quasi 100 km. Producono macchie transitorie di vapore acqueo nell’atmosfera lunare, che è solo un miliardesimo della pressione superficiale dell’atmosfera terrestre.

I nuovi risultati, tuttavia, mostrano quantità simili di vapore acqueo diffuse su un’area più ampia di Europa, nelle osservazioni di Hubble che vanno dal 1999 al 2015. Ciò suggerisce una presenza a lungo termine di un’atmosfera di vapore acqueo solo su una parte di Europa, in particolare, sull’emisfero della luna che è sempre opposto alla sua direzione di moto lungo la sua orbita. La causa di questa asimmetria tra i due emisferi non è ancora completamente chiara.

Per fare questa scoperta, Lorenz Roth del KTH Royal Institute of Technology, Space and Plasma Physics, in Svezia, ha approfondito i set di dati di archivio di Hubble, selezionando osservazioni ultraviolette di Europa dal 1999, 2012, 2014 e 2015 mentre la luna si trovava in varie posizioni orbitali. Queste osservazioni sono state tutte prese con lo Space Telescope Imaging Spectrograph (STIS) di Hubble. Le osservazioni STIS nell’ultravioletto hanno permesso a Roth di determinare l’abbondanza di ossigeno – uno dei costituenti dell’acqua – nell’atmosfera di Europa e, interpretando la forza di emissione a diverse lunghezze d’onda, è stato in grado di dedurre la presenza di vapore acqueo.

Questo rilevamento apre la strada a studi approfonditi su Europa da parte di future sonde, tra cui l’Europa Clipper della NASA e la missione Jupiter Icy Moons Explorer dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA). Comprendere la formazione e l’evoluzione di Giove e delle sue lune, aiuterà anche gli astronomi a ottenere informazioni sui pianeti simili a Giove che orbitano attorno ad altre stelle. (30Science.com)

Adoravo parlare di Fantascienza con mia madre prima di dormire e tirar fuori strane teorie anziché ascoltare le favole della buonanotte. La conseguenza? Una laurea in Fisica all’Università degli Studi di Roma "Tor Vergata" con una tesi sui “Metodi per la Ricerca di Pianeti Extrasolari”. Mi dedico dal 2008 alla Divulgazione Scientifica ovunque sia possibile, nelle scuole, in grandi eventi pubblici, in musei, in grandi strutture scientifiche di Roma, radio, televisione, internet.. ovunque! Ho affiancato il tutto alle mie passioni di tutta una vita: il nuoto, la musica, il cinema ed ogni sfaccettatura nerd che si possa immaginare.
X