Foto della settimana ESA: Male e le Maldive circondate dal mare che cresce

30 Lug, 2021
In evidenza | News | Transizione ecologica

(30Science.com) – Roma, 30 lug. – La missione Copernicus Sentinel-2 ci porta su Malé, la capitale e la città più popolosa della Repubblica delle Maldive. La Repubblica delle Maldive è costituita da una catena di circa 1200 piccole isole coralline raggruppate in gruppi di atolli, sparsi su 90.000 kmq di oceano. Nell’immagine è possibile vedere alcune di queste piccole isole, con i colori turchesi che rappresentano acque limpide e poco profonde punteggiate da barriere coralline che contrastano con i colori scuri dell’Oceano Indiano.

Malé, situata all’estremità meridionale dell’atollo di Malé Nord, può essere facilmente individuata a destra dell’immagine. L’isola è abbastanza piccola da poter essere girata in circa un’ora, con la maggior parte delle attrazioni concentrate sulla sua costa settentrionale. Malé è sia un centro commerciale che turistico, collegato con lo Sri Lanka e l’India da linee di navi a vapore, con diverse navi visibili nell’immagine.

Crediti: contiene dati Copernicus Sentinel modificati (2019), elaborati dall’ESA

Con una popolazione di oltre 200.000 abitanti e una superficie di circa otto chilometri quadrati, Malé è una delle città più densamente popolate del mondo con la città che copre quasi l’intera isola.
Con oltre l’80% della terra delle Maldive a meno di un metro sopra il livello medio del mare, le Maldive hanno il terreno più basso di qualsiasi paese al mondo. Ciò rende l’arcipelago particolarmente vulnerabile all’innalzamento del livello del mare.

In risposta a questa crescente minaccia, il governo delle Maldive sta lavorando per migliorare la resilienza delle isole del paese, che include la costruzione dell’isola artificiale di Hulhumale, visibile a nord-est dell’isola aeroportuale di Hulhulé.

L’isola è stata costruita pompando sabbia dal fondale marino su una piattaforma corallina sommersa, che si erge a circa 2 m sul livello del mare. Il terreno bonificato fornisce lo spazio necessario e aiuterà anche a soddisfare lo sviluppo industriale e commerciale della regione di Malé.

I dati satellitari hanno mostrato che il livello dell’oceano globale è aumentato, in media, di 3 mm all’anno negli ultimi 25 anni. Il riscaldamento delle acque oceaniche, lo scioglimento dei ghiacciai e la diminuzione delle calotte glaciali stanno rendendo l’innalzamento del livello del mare una vera minaccia per le isole basse come le Maldive.

Dopo il decollo nel novembre 2020, il satellite Copernicus Sentinel-6 Michael Freilich, la missione più avanzata dedicata alla misurazione dell’innalzamento del livello del mare, è ora pienamente operativo, il che significa che i suoi dati sono disponibili per i ricercatori del clima, le previsioni del tempo oceanico e altri utenti di dati. (30Science.com)

X