Copernicus: estate 2023 la più calda mai registrata nel mondo

6 Set, 2023
30Science.com
Mediaone

Roma – La stagione giugno-luglio-agosto (JJA) per il 2023 è stata la più calda mai registrata a livello globale con un ampio margine, con una temperatura media di 16,77°C, 0,66°C sopra la media. Sono i dati del servizio Copernicus Climate Change (C3S) , implementato dal Centro europeo per le previsioni meteorologiche a medio termine per conto della Commissione europea con finanziamenti dell’UE. La temperatura media europea per l’estate è stata di 19,63°C, che con 0,83°C sopra la media, è stata la quinta più calda della stagione estiva. La stagione estiva 2023 ha visto anomalie record di temperature superficiali del mare (SST) da record nel Nord Atlantico e per l’oceano globale. L’estate 2023 ha visto ondate di caldo marino in diverse aree d’Europa, tra cui intorno all’Irlanda e al Regno Unito a giugno, e attraverso il Mediterraneo a luglio e agosto. JJA 2023 ha visto precipitazioni superiori alla media su gran parte dell’Europa occidentale e sulla Turchia, con il superamento dei record locali di precipitazioni che hanno portato in alcuni casi a inondazioni, e nell’America settentrionale e nordorientale, in parti dell’Asia, in Cile e Brasile e nell’Australia nordoccidentale. Al contrario, l’Islanda, l’arco alpino, la Scandinavia settentrionale, l’Europa centrale, gran parte dell’Asia, il Canada, il Nord America meridionale e gran parte del Sud America hanno sperimentato condizioni più secche rispetto alla media. In alcune regioni, queste condizioni di siccità hanno portato a significativi incendi.

Agosto 2023 è stato l’agosto più caldo mai registrato a livello globale e più caldo di tutti gli altri mesi tranne luglio 2023.

La temperatura media globale dell’aria superficiale di 16,82°C per agosto 2023 è stata di 0,71°C più calda rispetto alla media 1991-2020 di agosto e di 0,31°C più calda rispetto al precedente agosto più caldo del 2016.

Si stima che il mese sia stato di circa 1,5°C più caldo rispetto alla media preindustriale del periodo 1850-1900.

Le ondate di caldo sono state sperimentate in diverse regioni dell’emisfero settentrionale, tra cui l’Europa meridionale, gli Stati Uniti meridionali e il Giappone.

Temperature ben al di sopra della media si sono verificate in Australia, in diversi paesi del Sud America e in gran parte dell’Antartide.

Le temperature dell’aria marina erano ben al di sopra della media in molte altre regioni.

L’anomalia della temperatura globale per i primi 8 mesi del 2023 (gennaio-agosto) è la seconda più calda mai registrata, solo 0,01°C sotto quella del 2016, attualmente l’anno più caldo mai registrato.

Secondo Samantha Burgess, vicedirettrice del Copernicus Climate Change Service (C3S): “I record della temperatura globale continuano a crollare nel 2023, con l’agosto più caldo che segue luglio e giugno più caldi, portando all’estate boreale più calda da noi registrata. al 1940. Il 2023 è attualmente classificato come il secondo più caldo, con soli 0,01°C dietro al 2016, con quattro mesi rimanenti all’anno. Nel frattempo, l’oceano globale ha registrato in agosto sia la temperatura superficiale giornaliera più calda mai registrata, sia il mese più caldo della storia. Le prove scientifiche sono schiaccianti: continueremo a vedere più dati climatici ed eventi meteorologici estremi più intensi e frequenti che incidono sulla società e sugli ecosistemi, finché non smetteremo di emettere gas serra”.(30Science.com)

Agenzia di stampa quotidiana specializzata su temi di scienza, ambiente, natura, salute, società, mobilità e tecnologia. Ogni giorno produciamo una rassegna stampa delle principali riviste scientifiche internazionali e quattro notiziari tematici: Scienza, Clima & Natura, Salute, Nuova Mobilità e Ricerca Italiana contatti: redazione@30science.com + 39 3492419582