Contro variante Delta, EMA e ECDC chiedono a tutti di completare vaccinazione tempestivamente e di anticipare seconda dose

4 Ago, 2021
News | Salute

(30Science.com) – Roma, 4 ago. – “Può essere consigliabile prendere in considerazione la riduzione dell’intervallo tra la prima e la seconda dose, entro i limiti autorizzati, in particolare per le persone a rischio di COVID-19 grave che non hanno completato la raccomandata programma vaccinale”. Lo spiegano in una nota congiunta l’Agenzia Europea per i medicinali (EMA) e il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC).

Le due agenzie incoraggiano fortemente coloro che hanno diritto alla vaccinazione ma non sono ancora stati vaccinati a completare il programma di vaccinazione COVID-19 in maniera tempestiva“. “La vaccinazione completa con uno qualsiasi dei vaccini approvati dall’UE – si legge nella nota congiunta –  offre un alto livello di protezione contro malattie gravi e morte causate da SARS-CoV-2, comprese le varianti, come Delta. Il livello più alto di protezione viene raggiunto dopo che è trascorso un tempo sufficiente (da sette a quattordici giorni) dal giorno dell’ultima dose di vaccino”.

La vaccinazione è importante anche per proteggere le persone a più alto rischio di malattie gravi e ospedalizzazione, ridurre la diffusione del virus e prevenire l’emergere di nuove varianti di preoccupazione.

Mike Catchpole, capo scienziato dell’ECDC, ha dichiarato: “Mentre i vaccini disponibili sono altamente efficaci nel proteggere le persone contro il COVID-19 grave, fino a quando non saranno immunizzate proporzioni più elevate della popolazione, il rischio non è al di là di noi. Ora stiamo assistendo a un numero crescente di casi di COVID-19 in tutta l’UE/SEE e i vaccini rimangono la migliore opzione disponibile per evitare un aumento delle malattie gravi e della morte“.

Poiché le campagne di vaccinazione si intensificano in tutta l’UE, “in alcuni casi può essere consigliabile prendere in considerazione la riduzione dell’intervallo tra la prima e la seconda dose, entro i limiti autorizzati, in particolare per le persone a rischio di COVID-19 grave che non hanno completato la raccomandata programma vaccinale. Le infezioni nelle persone vaccinate non significano che i vaccini non funzionino”.

Sebbene l’efficacia di tutti i vaccini COVID-19 autorizzati nell’UE/SEE sia molto elevata, nessun vaccino è efficace al 100%. Ciò significa che è previsto un numero limitato di infezioni da SARS-CoV-2 tra le persone che hanno completato il programma di vaccinazione raccomandato (cioè “infezioni rivoluzionarie”). Tuttavia, quando si verificano infezioni, i vaccini possono prevenire in larga misura malattie gravi e ridurre notevolmente il numero di persone in ospedale a causa del COVID-19“.

Fergus Sweeney, capo degli studi clinici e della produzione dell’EMA, ha dichiarato: “Questi vaccini COVID-19 sono molto efficaci. Tuttavia, finché il virus continuerà a circolare, continueremo a vedere infezioni rivoluzionarie nelle persone vaccinate. Questo non significa che i vaccini non funzionino. Le persone vaccinate sono molto meglio protette contro il COVID-19 grave rispetto alle persone non vaccinate e dovremmo tutti sforzarci di essere completamente vaccinati alla prima occasione”.

L’EMA e l’ECDC raccomandano la vaccinazione completa contro il COVID-19 per tutti i cittadini idonei. “Fino a quando – spiegano – più persone non saranno completamente vaccinate e mentre SARS-CoV-2 si sta ancora diffondendo, tutti dovrebbero aderire alle normative nazionali e continuare ad adottare misure come indossare maschere e rispettare il distanziamento sociale, anche quegli individui che hanno ricevuto un programma di vaccinazione completo”. (30Science.com)

X