Vaccino AstraZeneca: seconda dose a 45 settimane amplifica risposta immunitaria

28 Giu, 2021
News | Salute

(30Science.com) – Roma, 28 giu. – Una sottoanalisi degli studi COV001 e COV002 condotti dall’Università di Oxford con Vaxzevria (il vaccino AstraZeneca) ha indotto forti risposte immunitarie a seguito di un intervallo prolungato della seconda dose fino a 45 settimane o dopo una terza dose di potenziamento. I risultati, pubblicati dall’Università di Oxford sul server di prestampa di The Lancet, hanno dimostrato che i livelli di anticorpi rimangono elevati rispetto al basale per almeno un anno dopo una singola dose.

Un intervallo prolungato tra la prima e la seconda dose di Vaxzevria fino a 45 settimane ha determinato un aumento fino a 18 volte della risposta anticorpale, misurata 28 giorni dopo la seconda dose. Con un intervallo di dosaggio di 45 settimane tra la prima e la seconda dose, i titoli anticorpali erano quattro volte superiori rispetto a un intervallo di 12 settimane, a dimostrazione del fatto che un intervallo di dosaggio più lungo non è dannoso ma può derivare un’immunità più forte.

Inoltre, una terza dose di Vaxzevria somministrata almeno 6 mesi dopo una seconda dose, ha aumentato di sei volte i livelli anticorpali e mantenuto la risposta delle cellule T. Una terza dose ha anche determinato una maggiore attività neutralizzante contro le varianti Alpha (B.1.1.7, “Kent”), Beta (B.1.351, “South African”) e Delta (B.1.617.2, “Indian”). Sia la seconda dose tardiva che la terza dose di Vaxzevria sono state meno reattogene della prima dose. Il professor Sir Andrew J Pollard, ricercatore capo e direttore dell’Oxford Vaccine Group presso l’Università di Oxford, ha dichiarato: “Questa dovrebbe essere una notizia rassicurante per i paesi con minori forniture di vaccino, che potrebbero essere preoccupati per i ritardi nella fornitura di seconde dosi a loro popolazioni. C’è un’ottima risposta a una seconda dose, anche dopo 10 mesi di ritardo dalla prima”.

Mene Pangalos, Executive Vice President, BioPharmaceuticals R&D, ha dichiarato: “Dimostrare che il nostro vaccino genera una risposta immunitaria robusta e duratura è importante per fornire fiducia nella protezione a lungo termine. Non vediamo l’ora di continuare a collaborare con l’Università di Oxford e raccomandare agli organismi di tutto il mondo di valutare ulteriormente l’impatto di questi dati”. L’analisi includeva volontari di età compresa tra 18 e 55 anni che erano stati arruolati negli studi COV001 e COV002 e avevano ricevuto una dose singola o due dosi di vaccino COVID-19 AstraZeneca .(30Science.com)

X