Scienza: svelati alcuni segreti delle microalghe nevose

Valentina Di Paola
7 Giu, 2021
News | Scienza

(30Science.com) – Roma, 7 giu. – Si chiama Alpalga, è un consorzio internazionale dedito alla scoperta dei misteri che circondano le microalghe della neve di montagna, e ha portato alla prima mappa della distribuzione di questi organismi. Pubblicato sulla rivista Frontiers in Plant Science, questo risultato è stato ottenuto dagli scienziati del Laboratoire de fisiologie cellulaire et végétale, del Laboratoire d’écologie alpine e del Jardin du Lautaret: découverte et sciences, tutti affiliati al Centre national de la recherche scientifique, in Francia. Caratterizzate dalla tipica colorazione ocra, arancione e rossa, queste microalghe possono prosperare ad altitudini estremamente elevate. Ne è un esempio il genere Chlorophyta Reichenbach, o Sanguina, che conferisce alla neve una tonalità rosso sangue, ed è stata osservata a quote di oltre duemila metri, mentre la microalga verde Symbiochloris vive solo ad altitudini inferiori a 1.500 metri. Il team ha raccolto il DNA delle specie vegetali in cinque siti alpini. Il consorzio Alpalga si pone l’obiettivo di comprendere e studiare le microalghe che abitano la neve e capire come possano resistere a condizioni di temperatura e luce solare tanto proibitive. Lo scopo finale, ribadiscono gli scienziati, è quello di promuovere e proteggere la conservazione di questi particolari ecosistemi. (30science.com)

X