Prime misurazioni della plastica nelle profondità marine del Mediterraneo

24 Giu, 2021
News | Transizione ecologica

 

(30Science.com) – Roma, 24 giu. – Per la prima volta a tali profondità nel Mediterraneo, un team di scienziati francesi, monegaschi e italiani è stato in grado di analizzare i rifiuti marini e le microplastiche fino a 2200 m di profondità. Il mare profondo è un’area di notevole accumulo dei nostri rifiuti, con un forte impatto sulla fauna selvatica. Gli scienziati raccomandano di aumentare gli sforzi di prevenzione, poiché questo inquinamento è impossibile da eliminare in ambienti così inaccessibili.

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista Science of the Total Environment è stato condotto sull’inquinamento da plastica anche nelle profondità marine del Mediterraneo. Le misurazioni sono avvenute nel settembre 2018 utilizzando il sommergibile Victor 6000, a bordo della nave Atalante della Flotta Oceanografica operata da Ifremer. “Sappiamo che ci sono aree di accumulo di rifiuti offshore, ma questa è la prima volta che facciamo misurazioni così precise a tali profondità nel Mediterraneo, con video vicino al fondo e campioni prelevati dai fondali. sedimenti” , sottolinea François Galgani, ricercatore presso Ifremer specializzato in materie plastiche e tra i principali autori della recente pubblicazione.

Gli scienziati si sono concentrati su un’area a cavallo tra Francia, Monaco e Italia nel Mar Ligure, che comprende sette canyon sottomarini e montagne più al largo della pianura abissale. I risultati mostrano un forte accumulo di plastica di origine urbana, nei canyon davanti a grandi città come Saint-Tropez, Nizza, Cannes o Monaco. Possiamo così vedere sulle immagini oggetti molto diversi come tazze, secchielli da spiaggia, palloncini, bottiglie. “Questo rifiuto urbano è dominato dalla plastica. I canyon fungono da condotto, i rifiuti scendono verso il mare profondo sotto l’effetto delle correnti marine. Più al largo, a livello delle montagne sottomarine, i rifiuti sono di natura diversa, più legati alla pesca, con lenze o reti perse. “, afferma Michela Angiolillo, ricercatrice ISPRA e autrice principale della pubblicazione.(30Science.com)

X