Il comune raffreddore contrasta il Covid-19

Paola Perrotta
16 Giu, 2021
News | Salute

(30Science.com) – Roma, 15 giu. – L’esposizione al rinovirus, la causa più frequente del comune raffreddore, può proteggere dall’infezione del virus che provoca il Covid-19. Lo hanno scoperto i ricercatori di Yale in uno studio pubblicato sul Journal of Experimental Medicine. Secondo gli esperti, il virus respiratorio del raffreddore attiva i geni, stimolati dalla molecola dell’interferone chde può fermare la replicazione del virus SARS-CoV-2 nelle vie aeree. “L’attivazione di queste difese, nella fase iniziale dell’infezione da Covid-19, permette di prevenire o curare l’infezione”, ha affermato Ellen Foxman, assistente professore di medicina di laboratorio e immunobiologia presso la Yale School of Medicine e autrice dello studio. Sarebbe utile quindi, somministrare ai pazienti farmaci a base di interferoni. “Ma tutto dipende dai tempi“, ha detto Foxman.

Infatti, studi precedenti avevano evidenziato che, nelle fasi avanzate di infezione da Covid-19, alti livelli di interferone sono correlati a una malattia più grave e possono alimentare risposte immunitarie iperattive. In seguito, si è capito che i geni stimolati dall’interferone possono avere un’azione protettiva contro il Covid-19. Il progetto di ricerca di Yale è partito dall’osservazione che i comuni virus del raffreddore possono proteggere dall’influenza. I ricercatori hanno studiato se i rinovirus potevano avere lo stesso impatto positivo contro il virus Covid-19. A tale scopo, il gruppo di scienziati ha infettato con SARS-CoV-2 il tessuto delle vie aeree umane cresciuto in laboratorio e ha scoperto che per i primi tre giorni, la carica virale nel tessuto è raddoppiata circa ogni sei ore. Tuttavia, la replicazione del virus Covid-19 è stata completamente interrotta nei tessuti che erano stati esposti al rinovirus.

Il trattamento con interferone è promettente, ma ha dei limiti, spiegano gli esperti, perché è più efficace nei giorni immediatamente successivi all’infezione, quando molte persone non mostrano sintomi. In teoria, il trattamento con interferone potrebbe essere utilizzato a scopo precauzionale nelle persone ad alto rischio che sono state a stretto contatto con altre persone a cui è stato diagnosticato il Covid-19. Sono in corso sperimentazioni sull’interferone nel Covid-19 e finora mostrano un possibile beneficio nelle prime fasi dell’infezione, ma non quando somministrato in seguito. Questi risultati possono aiutare a spiegare perché nei periodi dell’anno in cui i raffreddori sono comuni, i tassi di infezione da altri virus come l’influenza tendono ad essere più bassi, ha detto Foxman. Si teme che con l’allentamento delle misure di distanziamento sociale, i comuni virus del raffreddore e dell’influenza, che sono rimasti dormienti nell’ultimo anno, torneranno con maggiore forza. L’interferenza tra i virus respiratori potrebbe essere un fattore attenuante, creando un “limite superiore” al grado di co-circolazione dei virus respiratori, ha affermato. “Ci sono interazioni nascoste tra i virus che non capiamo del tutto, e questi risultati sono un pezzo del puzzle che stiamo osservando”, ha detto l’autore dello studio. (30Science.com)

X