Paola Perrotta

Le forme arrotondate, il percorso lineare o curvo di una l o di r mi affascinavano, fin da bambina. Nei ricordi d’infanzia, le osservavo per ore sull’abbecedario affisso alla parete dell’aula scolastica della maestra Pina. La scrittura è lo strumento che ho scelto per comunicare e poi, anni dopo, per lavorare, preferendolo di gran lunga all’eloquio verbale. Poi, intorno ai 12 anni ho scoperto la tecnologia, i primi computer e la meravigliosa illusione di una comunicazione fatta di contemporaneità, immediatezza e infinite possibilità. Inoltre, ho sempre ammirato le imprese fantastiche dell’ingegno umano applicate alla scienza e tecnologia. È grazie a queste due grandi passioni che oggi scrivo con entusiasmo di questi temi. E poi, dedicarmi agli altri, ascoltare il loro punto di vista a me e mettermi nelle loro scarpe credo sia il motivo per il quale riesco a fare con passione il mio mestiere principale: l’ufficio stampa. Ambiti? tecnologia, scienza e salute, ovviamente.
X