Vaiolo delle scimmie: un caso anche in Italia. Il punto in Europa

19 Mag, 2022
Emanuele Perugini
In evidenza | News | Salute

(30Science.com) – Roma, 19 mag. – “Si tratta di un’infezione causata da un virus della stessa famiglia del vaiolo ma che largamente si differenzia dal vaiolo stesso per la minore diffusività e gravità. È diffuso in particolare tra primati e piccoli roditori, prevalentemente in Africa. L’infezione si trasmette dall’animale all’uomo attraverso la saliva ed altri fluidi dell’animale o il contatto diretto con l’animale”. Così, in una nota l’Istituto Superiore di Sanità (ISS) sul caso registrato allo Spallanzani di Roma.

“Nell’uomo – spiegano gli esperti dell’ISS – si presenta con febbre, dolori muscolari, cefalea, linfonodi gonfi, stanchezza e manifestazioni cutanee quali vescicole, pustole, piccole croste. Si può trasmettere da uomo a uomo attraverso droplets, contatto con fluidi corporei o con le lesioni cutanee. È possibile che le persone che non sono state vaccinate contro il vaiolo (vaccinazione abolita in Italia nel 1981) siano a maggior rischio di infezione con il monkeypox per l’assenza di anticorpi che, per la similitudine del virus del vaiolo con il monkeypox, possono essere efficaci a contrastare anche questa virosi”.

L‘infezione è relativamente infrequente nell’uomo e comunque fuori dall’Africa, ma sono stati riportati casi sporadici ed anche un’epidemia in USA nel 2003, in seguito all’importazione dall’Africa di animali non adeguatamente controllati sotto il profilo sanitario.

“La malattia si risolve spontaneamente in 1-2 settimane con adeguato riposo e senza terapie specifiche; possono venir somministrati degli antivirali quando necessario” si legge nella nota dell’ISS.

Attualmente, sono stati segnalati alcuni casi in Portogallo, Spagna, UK e Italia, finora maggiormente in giovani MSM (maschi che fanno sesso con maschi). Il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) ha attivato un sistema di allerta a livello europeo al quale partecipa l’ISS. Inoltre, l’ISS ha costituito una task force composta da esperti del settore ed ha contattato le reti sentinella dei centri per le infezioni sessualmente trasmesse al fine di monitorare continuamente la situazione nazionale.

Le raccomandazioni prevedono di restare a casa a riposo qualora insorga la febbre e di rivolgersi al medico di fiducia in caso di comparsa di vescicole o altre manifestazioni cutanee. Come prevenzione, è importante evitare il contatto con persone con febbre e valutare con attenzione, prima di ogni contatto personale stretto o contatto sessuale, la presenza di eventuali manifestazioni cutanee inusuali (quali vescicole o altre lesioni) sulla cute del partner. Questo comportamento è utile a prevenire non solo il monkeypox ma anche altre infezioni sessualmente trasmesse.

Il punto sull’epidemia in Europa (ECDC)

L’ECDC nel suo report pubblicato oggi riporta che “il primo caso è stato segnalato dall’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito  (UKHSA) il 7 maggio e si ritiene che sia stato importato. Il 14 maggio 2022 sono stati identificati altri due casi nel Regno Unito, entrambi residenti nella stessa famiglia, ma senza una storia recente di viaggi e nessun contatto con il caso segnalato il 7 maggio. Altri quattro casi sono stati confermati dall’UKHSA il 16 maggio, anche senza una storia di viaggi recenti in aree endemiche, e non erano contatti dei casi segnalati il ​​7 e 14 maggio. Tutti i casi segnalati il ​​16 maggio erano uomini che si identificavano come uomini che hanno rapporti sessuali con uomini (MSM)”.  

Inoltre, il 18 maggio, il Portogallo ha segnalato cinque casi confermati di vaiolo delle scimmie e più di 20 casi sospetti. Tutti i casi erano giovani uomini e tutti a Lisbona e nella valle del Tago. Anche la Spagna ha segnalato otto casi sospetti. A questi si aggiunge il caso riportato oggi a Roma. 

Trasmissione e sintomi

Il vaiolo delle scimmie è una malattia virale. La trasmissione all’uomo può avvenire attraverso il contatto con un animale o un essere umano infetto o con materiale corporeo umano contenente il virus. La trasmissione tra gli esseri umani avviene principalmente attraverso grandi goccioline respiratorie. Poiché le goccioline non possono viaggiare lontano, è necessario un contatto faccia a faccia prolungato. Il virus può anche entrare nel corpo attraverso fluidi corporei, materiale della lesione o contatto indiretto con materiale della lesione.  

I sintomi includono febbre, mal di testa, dolori muscolari, mal di schiena, linfonodi ingrossati, brividi ed esaurimento. In genere si sviluppa un’eruzione cutanea. Questo spesso inizia sul viso e poi si diffonde ad altre parti del corpo, compresi i genitali. Da notare, i casi recentemente rilevati tra gli MSM hanno riportato una preponderanza di lesioni nell’area genitale. L’eruzione cutanea attraversa diverse fasi e può assomigliare alla varicella o alla sifilide, prima di formare finalmente una crosta, che in seguito cade. La differenza nell’aspetto da varicella o sifilide è l’evoluzione uniforme delle lesioni. Il periodo di incubazione è in genere da 6 a 16 giorni, ma può arrivare fino a 21. Quando la crosta cade una persona non è più infettiva.  

Sfondo della malattia

Dal 2018 sono stati segnalati 7 casi di vaiolo delle scimmie nel Regno Unito (nel 2021, 2019 e 2018), principalmente con una storia di viaggi in paesi endemici. Tuttavia, questa è la prima volta che vengono segnalate catene di trasmissione in Europa senza collegamenti epidemiologici noti con l’Africa occidentale e centrale. Questi sono anche i primi casi al mondo segnalati tra gli MSM. Si ritiene che il virus del vaiolo delle scimmie abbia una trasmissibilità moderata tra gli esseri umani. In questo caso, la trasmissione tra partner sessuali, a causa del contatto intimo durante il sesso con lesioni cutanee infettive, sembra la probabile modalità di trasmissione tra MSM. Data la frequenza insolitamente alta di trasmissione da uomo a uomo osservata in questo evento e la probabile trasmissione nella comunità senza una storia di viaggi in aree endemiche, la probabilità di un’ulteriore diffusione del virus attraverso uno stretto contatto, ad esempio durante le attività sessuali, è considerato alto. La probabilità di trasmissione tra individui senza stretto contatto è considerata bassa.  

L’entità della trasmissione comunitaria è attualmente sconosciuta. Tuttavia, nei paesi colpiti dell’UE/SEE stanno iniziando test mirati su individui con tali manifestazioni cliniche.  

La manifestazione clinica del vaiolo delle scimmie è generalmente lieve. Negli studi condotti nei paesi africani è stato osservato che il clade dell’Africa occidentale, che è stato finora rilevato nei casi segnalati in Europa, ha un tasso di mortalità del 3,6%. La mortalità è maggiore tra i bambini e i giovani adulti e gli individui immunocompromessi sono particolarmente a rischio di malattie gravi. La maggior parte delle persone guarisce in poche settimane. 

Raccomandazioni immediate

Gli operatori sanitari dovrebbero considerare l’infezione da vaiolo delle scimmie come diagnosi differenziale per gli individui che presentano sintomi clinici compatibili e dovrebbero contattare servizi specializzati. 

Le organizzazioni di salute pubblica e le organizzazioni comunitarie dovrebbero adottare misure per aumentare la consapevolezza sulla potenziale diffusione del vaiolo delle scimmie nelle comunità di individui che si identificano come MSM o che hanno rapporti sessuali occasionali o che hanno più partner sessuali.  

Gli individui che presentano tali sintomi dovrebbero cercare cure specialistiche. Quegli individui che interagiscono con più partner sessuali o che fanno sesso occasionale dovrebbero essere particolarmente vigili.  

I casi sospetti devono essere isolati, testati e notificati tempestivamente. Per i casi positivi dovrebbe essere avviato il tracciamento dei contatti a ritroso e in avanti. Se nel paese sono disponibili vaccini contro il vaiolo, la vaccinazione dei contatti stretti ad alto rischio dovrebbe essere presa in considerazione dopo una valutazione del rapporto rischio-beneficio. Per i casi più gravi, può essere preso in considerazione il trattamento con un antivirale registrato, se disponibile nel paese. (30Science.com)

Sono un giornalista. Sono nato nel 1970 e ho cominciato a scrivere nel 1994. Non ho più smesso. Nel corso della mia carriera ho scritto molto di scienza, di ambiente, di salute cercando di portare la scienza e la profondità dell'analisi scientifiche in ogni ambito di cui mi sono occupato.
X