Tre anni dopo la tempesta Vaia torna il Medicane

Emanuele Perugini
28 Ott, 2021
In evidenza | News | Scienza | Transizione ecologica

Il giornalista Marco Merola ricorda nel suo webdoc la tempesta Vaia

(30science.com) – Roma, 28 ott. – “Nel cuore del Mediterraneo, in particolare nello Ionio, sta prendendo corpo e forza un Medicane (Mediterranean hurricane), un uragano che provocherà onde imponenti, alte fino ad 8 metri.
Il momento apicale del fenomeno è previsto tra il 28 ed il 29 ottobre prossimi, come si vede bene nell’animazione grafica elaborata dal Laboratorio di Modellistica climatica ed Impatti dell’ENEA”. Lo ha spiegato a 30Science.com, Marco Merola giornalista e divulgatore scientifico che proprio in questi giorni è a Trento per presentare la nuova puntata del suo “Adaptation” un webdoc dedicato ai progetti di adattamento messi in campo per fronteggiare gli effetti del cambiamento climatico.

La tappa trentina del tour non è casuale e cade proprio nel terzo anniversario della tempesta Vaia che devastò le foreste delle Alpi trentine e Venete. Ora, a distanza di tre anni esatti, il rischio è che lo scenario si ripeta altrove.

L’allarme sulla possibile formazione di uragani mediterranei – spiega – era stato già lanciato la scorsa estate, partendo da alcuni parametri decisamente preoccupanti, su tutti quello della temperatura della superficie del mare che ad agosto ha raggiunto e superato i 30 gradi celsius. Il sistema si è dunque sovraccaricato, in questi mesi, fino a raggiungere il punto critico che, come già successo negli ultimi anni, ha causato la genesi di un evento meteo-climatico estremo”.

©Marco Barretta /Adaptation.it

La natura non fa sconti e non agisce casualmente. “Esattamente 3 anni fa – ricorda il giornalista – nella notte tra il 28 ed il 29 ottobre del 2018 un ciclone extratropicale con venti a oltre 200 kmh cui fu dato nome Vaia (in quel caso il ‘motore’ fu l’incontro tra una perturbazione atlantica e venti di scirocco provenienti dal Mar Adriatico) colpì varie regioni del nord est italiano, Trentino, Veneto, Friuli Venezia Giulia e parte della Lombardia, provocando la caduta di milioni di alberi”.

In occasione del terzo anniversario di Vaia, lo scorso 26 ottobre è stata presentata al MuSe, Museo della Scienza di Trento, la puntata “Trentino” del webdoc Adaptation.it realizzato dal giornalista Marco Merola in collaborazione con PEFC, ente internazionale di certificazione del legno. Adaptation è un progetto di giornalismo ‘costruttivo’ che racconta come le comunità italiane e mondiali si stiano adattando al cambiamento climatico. Adattamento delle città, dei siti naturali (come i boschi del Trentino) ma anche delle comunità.(30science.com)

Sono un giornalista. Sono nato nel 1970 e ho cominciato a scrivere nel 1994. Non ho più smesso. Nel corso della mia carriera ho scritto molto di scienza, di ambiente, di salute cercando di portare la scienza e la profondità dell'analisi scientifiche in ogni ambito di cui mi sono occupato.
X